L’ istituto Luce, tesoro nazionale e internazionale e  patrimonio dell’Unesco, celebra il suo centenario. Fondato nel 1924, l’istituto Luce ha documentato, con più di 77.000 filmati e 5 milioni di fotografie dal novecento ad oggi, i più grandi cambiamenti del nostro paese.  Ad oggi si conferma il più grande archivio – Archivio Luce –  che possiede documenti unici del nostro passato fino ad arrivare ai giorni nostri. Nel 2013 Luce è stato iscritto nel Registro Memory of the World dell’Unesco, che valorizza i più importanti fondi archivistici e bibliotecari del pianeta, in cui è costudita la memoria dei vari popoli e dell’intero pianeta. Proprio per questo l’Istituto Luce rappresenta la testimonianza visiva di tutto ciò che ha caratterizzato il nostro paese, a disposizione di qualsiasi persona e delle nuove generazioni che vogliono comprendere ed orientarsi nel passato grazie a ciò che più di bello ci rimane, le immagini e i video.

“Con le celebrazioni per il suo centenario vogliamo contribuire alla diffusione dei suoi straordinari filmati e fotografie, sottolineando la sua vitalità come centro propulsore, anche oggi, di arte e cultura.”  Chiara Sbarigia, Presidente di Cinecittà con delega all’Archivio Luce.

Con la celebrazioni per il centenario sono state presentate diverse iniziative riguardo l’istituto Luce:

– La pubblicazione del podcast Luce e Controluce  prodotto da Chora Media per Cinecittà e online a partire dal 16 aprile, con la voce narrante di Andrea Zalone, che si immergerà dentro l’Archivio per raccontare una storia personale e collettiva; un viaggio ironico e allo stesso tempo ricco di spunti di riflessione.

– La realizzazione di Otto cortometraggi per un film collettivo affidati ad alcuni artisti del cinema contemporaneo, come  Michela Andreozzi, Massimiliano Bruno, Claudia Gerini, Edoardo Leo, Francesca Mazzoleni, Susanna Nicchiarelli, Rocco Papaleo, Sydney Sibilia, la realizzazione di otto cortometraggi che andranno a comporre un film collettivo a episodi intitolato Cento anni di Luce. Le opere saranno realizzate utilizzando le iconiche immagini di repertorio dell’Archivio.

– La partecipazioni di Quayola al Teatro 18 di Cinecittà in cui sarà allestito e aperto al pubblico una installazione evento e performance di Quayola – artista e performer di fama internazionale – per i 100 anni del Luce, in cui darà una nuova vita ai materiali d’archivio in una serie di video incentrati sul legame tra passato e futuro che ritrarranno la frenesia della vita nelle città, le persone in movimento, le danze, il folklore e i momenti di convivialità. L’opera sarà un esempio del nuovo percorso che vuole intraprendere Luce, quello di fare cultura e propagandarla e non solo conservarla.

– Il ritorno Nelle sale cinematografiche italiane saranno proiettati 15 film che hanno fatto la storia del cinema. Nel corso di una programmazione di 30 settimane dedicata ai titoli della tradizione Luce e al suo percorso distributivo.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo.

SPAZIO SCENA: PROGRAMMAZIONE 18 MAGGIO – 26 MAGGIO

Spazio Scena, Spazio Cinema Eventi e Nuove Arti della Regione Lazio,...

FESTIVAL DI CANNES 2024, LA REGIONE LAZIO PRESENTE ALL’ITALIAN PAVILION

La Regione Lazio al festival di Cannes La Regione Lazio sarà al...

Scopri i film finanziati
ogni anno
dalla Regione Lazio.