24 novembre 1948: 74 anni fa arrivava nelle sale Ladri di biciclette

Il 24 novembre resta e sarà sempre una data storica per il cinema italiano: usciva infatti nelle sale 74 anni fa l’iconico Ladri di biciclette, pellicola diretta, prodotta e in parte sceneggiata da Vittorio De Sica. L’importanza che Ladri di bicilette ricopre per la cinematografia nostrana e internazionale è fuor di dubbio: siamo nel secondo dopoguerra, ma le macerie del conflitto ancora troneggiano sui panorami europei e su Roma, dove il film è stato girato.

Un periodo storico complicato, in cui tuttavia Vittorio De Sica era già noto e già in parte considerato uno degli esponenti del neorealismo. Ladri di biciclette prende il titolo da un romanzo del 1946 di Luigi Bartolini, ma il soggetto è originale e porta la firma di Cesare Zavattini. Il sodalizio tra De Sica e Zavattini è probabilmente il primo e più importante motivo per giustificare la rilevanza della pellicola: conosciutisi nel 1939, i due realizzarono insieme circa venti film tra cui Ladri di Biciclette, ma anche Sciuscià (1946) e Miracolo a Milano (1951).

Di fatto, proprio Sciuscià – uscito un paio di anni prima – si rivelò commercialmente un insuccesso. All’epoca, il cinema italiano era erede del ventennio fascista e guardava con malcelata ammirazione ai film hollywoodiani, che poco o nulla avevano a che vedere con l’Italia triste e ferita del neorealismo. Eppure, De Sica andò comunque per la propria strada: investì il proprio denaro nella produzione e si affidò ad attori non professionisti (il protagonista, Antonio Ricci, è interpretato dall’operaio Lamberto Maggiorani). I produttori statunitensi, rifiutati dal regista, avrebbero infatti voluto nei panni di Ricci l’attore Cary Grant.

Il risultato, almeno in Italia, fu catastrofico: si narra che al Metropolitan di Roma il pubblico fosse talmente infuriato da chiedere a gran voce la restituzione del prezzo del biglietto. Ma è all’estero che il neorealismo di De Sica e Zavattini viene interamente compreso: a Parigi la proiezione raccolse tremila esponenti dell’intellighenzia internazionale, tra cui un commosso René Clair che abbracciò De Sica appena si accesero le luci in sala. E nel 1950 Ladri di Biciclette vinse sia l’Oscar che il Golden Globe come Miglior Film Straniero. Il resto, come si suol dire, è storia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo.

VIVA IL CINEMA! IL PROGRAMMA DELLE ARENE ESTIVE

A partire da lunedì 15 luglio prenderà il via l’Arena di...

LAZIO CINEMA INTERNATIONAL 2024 : BANDO PROROGATO FINO AL 31 LUGLIO

Lazio Cinema International, prorogata la scadenza d'iscrizone al...

LA VENTUNESIMA EDIZIONE DEL TUSCIA FILM FESTIVAL

Il cinema italiano torna protagonista in provincia di Viterbo con...

Scopri i film finanziati
ogni anno
dalla Regione Lazio.