24 novembre 1948: 74 anni fa arrivava nelle sale Ladri di biciclette

Il 24 novembre resta e sarà sempre una data storica per il cinema italiano: usciva infatti nelle sale 74 anni fa l’iconico Ladri di biciclette, pellicola diretta, prodotta e in parte sceneggiata da Vittorio De Sica. L’importanza che Ladri di bicilette ricopre per la cinematografia nostrana e internazionale è fuor di dubbio: siamo nel secondo dopoguerra, ma le macerie del conflitto ancora troneggiano sui panorami europei e su Roma, dove il film è stato girato.

Un periodo storico complicato, in cui tuttavia Vittorio De Sica era già noto e già in parte considerato uno degli esponenti del neorealismo. Ladri di biciclette prende il titolo da un romanzo del 1946 di Luigi Bartolini, ma il soggetto è originale e porta la firma di Cesare Zavattini. Il sodalizio tra De Sica e Zavattini è probabilmente il primo e più importante motivo per giustificare la rilevanza della pellicola: conosciutisi nel 1939, i due realizzarono insieme circa venti film tra cui Ladri di Biciclette, ma anche Sciuscià (1946) e Miracolo a Milano (1951).

Di fatto, proprio Sciuscià – uscito un paio di anni prima – si rivelò commercialmente un insuccesso. All’epoca, il cinema italiano era erede del ventennio fascista e guardava con malcelata ammirazione ai film hollywoodiani, che poco o nulla avevano a che vedere con l’Italia triste e ferita del neorealismo. Eppure, De Sica andò comunque per la propria strada: investì il proprio denaro nella produzione e si affidò ad attori non professionisti (il protagonista, Antonio Ricci, è interpretato dall’operaio Lamberto Maggiorani). I produttori statunitensi, rifiutati dal regista, avrebbero infatti voluto nei panni di Ricci l’attore Cary Grant.

Il risultato, almeno in Italia, fu catastrofico: si narra che al Metropolitan di Roma il pubblico fosse talmente infuriato da chiedere a gran voce la restituzione del prezzo del biglietto. Ma è all’estero che il neorealismo di De Sica e Zavattini viene interamente compreso: a Parigi la proiezione raccolse tremila esponenti dell’intellighenzia internazionale, tra cui un commosso René Clair che abbracciò De Sica appena si accesero le luci in sala. E nel 1950 Ladri di Biciclette vinse sia l’Oscar che il Golden Globe come Miglior Film Straniero. Il resto, come si suol dire, è storia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo.

I Manetti Bros. a La Città Incantata: «I fumetti sono letteratura moderna»

«Da fumettari ci teniamo a difendere la dignità del fumetto e difenderlo vuol dire che il punto d’arrivo parlarne meno. Oggi ancora si pensa che sia un gradino sotto la letteratura, ma non è così»

Zerocalcare a La Città Incantata: «Abbiate l’autodisciplina di finire le cose che avete iniziato»

In occasione della seconda giornata de La Città Incantata, abbiamo incontrato Zerocalcare

Il Gatto con gli Stivali 2 – L’Ultimo Desiderio: torna nelle sale il Gatto più impavido del mondo del cinema

Dal 7 dicembre – e dopo oltre dieci anni di attesa – arriva al cinema una nuova avventura de Il Gatto con gli Stivali: a dar voce al Gatto è ancora Antonio Banderas.

Gipi a La Città Incantata: «Tutte le volte che faccio un film penso di rubare tempo prezioso al fumetto»

Tra i protagonisti della prima giornata de La Città Incantata, Gipi ha parlato del suo ultimo lavoro e del suo rapporto con il mondo dei fumetti.

Scopri i film finanziati
ogni anno
dalla Regione Lazio.