Gianni Di Gregorio racconta Astolfo: «Il film più allegro che abbia mai fatto»

È una pellicola che ha sorpreso Gianni Di Gregorio prima di chiunque altro. Astolfo – film realizzato con il sostegno della Regione Lazio e presentato in Grand Public alla Festa del Cinema di Roma 2022 – è in fondo una grande storia d’amore piena di speranza. Il protagonista – Astolfo (interpretato da Di Gregorio, che è anche regista) – è un pensionato che, dopo uno sfratto, torna nella vecchia casa di famiglia, in un piccolo paesino. E poi incontra Stefania (Stefania Sandrelli) e si innamora.

«Anche io sono meravigliato, avevo una paura tremenda a fare proprio un film d’amore. – dice Di Gregorio – Negli altri film ci sono sempre le donne sognate, vagheggiate. C’è qualcosa nell’aria, ma proprio un film d’amore non l’avevo mai fatto. Secondo me è stata la pandemia, questo lungo periodo. E la mia è stata una reazione inconsulta, da matto. Poi mi ha preso la mano e credo sia il film più allegro che abbia mai fatto. È spensierato».

Secondo il regista, il merito di questa meraviglia va in gran parte proprio a Stefania Sandrelli. «È arrivata con una potenza incredibile – commenta infatti – e ci siamo tutti innamorati di lei. Ha dato un senso a quest’idea».

Gianni Di Gregorio Astolfo

Avere la Sandrelli come protagonista era del resto un cruccio proprio di Di Gregorio. «Confesso che avevo in mente lei dall’inizio. – ci rivela – L’ho detto piano piano ai produttori. Poi lei ha accettato e ha iniziato a divertirsi, ad amarlo questo film. Stefania per me è un mito, lo è sempre stata».

Ci ritroviamo con il regista in una calda giornata alla Festa del Cinema, a Roma. Un’occasione anche per parlare del momento che il cinema e la Capitale stanno vivendo.

«Secondo me è un buon momento. – commenta il regista – La Festa del Cinema di Roma è bellissima. Avere un film nella Sala Sinopoli è un’emozione pazzesca, non ti importa neanche come andrà. Vedo che la gente torna ad andare al cinema, è un bel momento anche per il cinema italiano». Un buon vento che Di Gregorio celebra con una pellicola, in fondo, aperta essa stessa «alla speranza».

«Qualunque cosa succeda – chiosa – dobbiamo cercare di stare meglio e reagire in qualche maniera. Reagire con l’apertura, la tolleranza e la curiosità di conoscere gli altri. Se lasci la porticina aperta, non si sa mai…».

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo.

Gianni Di Gregorio
Foto: Kinoweb

FESTA DEL CINEMA DI ROMA, LA DICIANNOVESIMA EDIZIONE CELEBRA MARCELLO MASTROIANNI

La diciannovesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 16 al...

FESTA DEL CINEMA 2024, ECCO COME ISCRIVERSI

La Regione Lazio che è socio della fondazione, lavora per sostenere...

DICIOTTESIMA EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA

La Regione Lazio sarà presente con un programma di appuntamenti...

Scopri i film finanziati
ogni anno
dalla Regione Lazio.